Scielo RSS <![CDATA[Annali dell'Istituto Superiore di Sanità]]> http://www.scielosp.org/rss.php?pid=0021-257120120001&lang=en vol. 48 num. 1 lang. en <![CDATA[SciELO Logo]]> http://www.scielosp.org/img/en/fbpelogp.gif http://www.scielosp.org <![CDATA[<b>Person</b>: <b>centre both of clinical ethics and of public health ethics </b>]]> http://www.scielosp.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0021-25712012000100001&lng=en&nrm=iso&tlng=en The "public health" perspective is different from the "patient-centred" clinical perspective for various reasons. Tensions between collective and individual interests are unavoidable in public health. Intersections between public health ethics and clinical bioethics can be traced to a set of duties which derive from respect of the person. Human rights and solidarity are "personcentred" cornerstones of both clinical and public health ethics. <![CDATA[<b>Preface </b>]]> http://www.scielosp.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0021-25712012000100002&lng=en&nrm=iso&tlng=en The "public health" perspective is different from the "patient-centred" clinical perspective for various reasons. Tensions between collective and individual interests are unavoidable in public health. Intersections between public health ethics and clinical bioethics can be traced to a set of duties which derive from respect of the person. Human rights and solidarity are "personcentred" cornerstones of both clinical and public health ethics. <![CDATA[<b>Role of X-ray microtomography in tissue engineering </b>]]> http://www.scielosp.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0021-25712012000100003&lng=en&nrm=iso&tlng=en The structure and architecture of scaffolds are crucial factors in scaffolds-based tissue engineering since they affect the functionality of the tissue engineering construct and the eventual application in health care. Therefore, effective scaffold assessment techniques are required right at the initial stages of research and development so as to select or design scaffolds with suitable properties. Furthermore, since the biological performances of a scaffold is evaluated with respect to its capacity of favouring cell adhesion, proliferation as well as production of extracellular matrix, it is important to have an analytical technique able to monitor the various stages of cell culture both in vitro and especially in vivo. Finally, the development of a vascular network inside the cell scaffold construct is a fundamental requisite for achieving a full integration of the developing tissue with the host tissue. Also in this respect it is mandatory to assess the propensity of the scaffold to be permeated by blood vessels. In the review, it will be shown how X-ray microtomography (micro-CT) can give fundamental information regarding all the three aspects outlined above.<hr/>La struttura e l’architettura degli scaffold sono fattori importantissimi nell’ingegneria dei tessuti poiché influenzano la funzionalità dei tessuti ricostruiti e una loro eventuale applicazione in campo sanitario. È necessaria infatti, nelle prime fasi della ricerca, una valutazione tecnica degli scaffold in modo da selezionare o progettare quelli con proprietà più adeguate. Inoltre, poiché le prestazioni biologiche di uno scaffold sono valutate rispetto alla capacità di favorire l’adesione e la proliferazione delle cellule seminate e contemporaneamente la produzione di una matrice extra-cellulare, è molto importante ricorrere all’uso di una tecnica analitica che sia in grado di monitorare le varie fasi della coltura cellulare, sia in vitro che in vivo. In ultimo, lo sviluppo di una rete vascolare all’interno della proliferazione cellulare dello scaffold è uno dei requisiti fondamentali per permettere la completa integrazione del tessuto in fase di sviluppo con il tessuto ospite. Anche in questo caso è assolutamente necessario valutare la propensione dello scaffold alla permeazione da parte di vasi sanguigni. In questa rassegna, sarà mostrato come la microtomografia a raggi X (micro-CT) sia in grado di fornire importanti informazioni riguardo ai tre aspetti evidenziati poco sopra. <![CDATA[<b>Variability of morphometric parameters of human trabecular tissue from coxo-arthritis and osteoporotic samples</b><b> </b>]]> http://www.scielosp.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0021-25712012000100004&lng=en&nrm=iso&tlng=en Morphometric and architectural bone parameters change in diseases such as osteoarthritis and osteoporosis. The mechanical strength of bone is primarily influenced by bone quantity and quality. Bone quality is defined by parameters such as trabecular thickness, trabecular separation, trabecular density and degree of anisotropy that describe the micro-architectural structure of bone. Recently, many studies have validated microtomography as a valuable investigative technique to assess bone morphometry, thanks to micro-CT non-destructive, non-invasive and reliability features, in comparison to traditional techniques such as histology. The aim of this study is the analysis by micro-computed tomography of six specimens, extracted from patients affected by osteoarthritis and osteoporosis, in order to observe the tridimensional structure and calculate several morphometric parameters.<hr/>I parametri morfometrici e architetturali dell’osso subiscono cambiamenti in presenza di patologie come l’osteoartrite e l’osteoporosi. Il comportamento meccanico dell’osso è influenzato sia dalla quantità (massa ossea) che dalla qualità dell’osso. La qualità dell’osso è definita da parametri che ne caratterizzano la struttura microarchitetturale, tra i principali lo spessore, la separazione e la densità trabecolare e il grado di anisotropia. Recentemente molti studiosi hanno validato la microtomografia come tecnica d’indagine della morfometria ossea e il suo notevole sviluppo è dato dal fatto che a differenza delle tecniche classiche come l’istologia, la microtomografia non provoca il danneggiamento del campione in esame. Nel corrente studio sono stati analizzati sei campioni ossei patologici tramite microtomografia computerizzata, prendendo in esame la struttura tridimensionale e i parametri istomorfometrici. <![CDATA[<b>Present and future in the use of micro-CT scanner 3D analysis for the study of dental and root canal morphology</b>]]> http://www.scielosp.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0021-25712012000100005&lng=en&nrm=iso&tlng=en The goal of the present article is to illustrate and analyze the applications and the potential of microcomputed tomography (micro-CT) in the analysis of tooth anatomy and root canal morphology. The authors performed a micro-CT analysis of the following different teeth: maxillary first molars with a second canal in the mesiobuccal (MB) root, mandibular first molars with complex anatomy in the mesial root, premolars with single and double roots and with complicated apical anatomy. The hardware device used in this study was a desktop X-ray microfocus CT scanner (SkyScan 1072, SkyScan bvba, Aartselaar, Belgium). A specific software ResolveRT Amira (Visage Imaging) was used for the 3D analysis and imaging. The authors obtained three-dimensional images from 15 teeth. It was possible to precisely visualize and analyze external and internal anatomy of teeth, showing the finest details. Among the 5 upper molars analyzed, in three cases, the MB canals joined into one canal, while in the other two molars the two mesial canals were separate. Among the lower molars two of the five samples exhibited a single canal in the mesial root, which had a broad, flat appearance in a mesiodistal dimension. In the five premolar teeth, the canals were independent; however, the apical delta and ramifications of the root canals were quite complex. Micro-CT offers a simple and reproducible technique for 3D noninvasive assessment of the anatomy of root canal systems.<hr/>L’obiettivo di questo articolo è stato quello di dimostrare la validità della microtomografia computerizzata (micro-CT) per visualizzare, analizzare e studiare l’anatomia dentaria ed endodontica in vitro. Sono stati selezionati 15 differenti elementi dentari umani estratti per motivi ortodontici o parodontali, selezionati tra primi molari dell’arcata superiore con un se-condo canale nella radice mesiovestibolare (MB2), tra primi molari inferiori in cui la radice mesiale avesse un cosiderevole grado di curvatura in senso mesiodistale o tra premolari con una o due radici aventi un’anatomia apicale particolarmente complicata. L’hardware utilizzato per la scansione è stato un micro tomografo computerizzato (SkyScan 1072, SkyScan bvba, Aartselaar, Belgium) mentre il software per la visualizzazione e l’analisi tridimensionale dei dati è stato ResolveRT Amira (Visage Imaging). Gli autori hanno ottenuto le ricostruzioni tridimensionali ottenute da analisi micro-CT di 15 elementi dentari umani estratti. È stato possibile osservare dettagliatamente sia l’anatomia endodontica fine che l’anatomia radicolare esterna degli elementi dentari analizzati. Tra i cinque molari superiori analizzati, in tre casi il canale mesiobuccale secondo (MB2) era confluente con il canale mesiobuccale principale, mentre negli altri due campioni dello stesso elemento analizzati essi erano indimìpendenti con forami apicali separati. Tra i molari inferiori due dei cinque analizzati avevano un unico canale nella radice mesiale di forma estremamente appiattita in senso mesiodistale. Tra gli elementi premolari analizzati, i canali se doppi erano indipendenti ma spesso hanno dimostrato possedere una complicata anatomia apicale con delta e ramificazioni molto intricate. La microtomografia offre una tecnica semplice e riproducibile per l’analisi tridimensionale non invasiva dell’anatomia endodontica. <![CDATA[<b>Analysis of single point and continuous wave of condensation root filling techniques by micro-computed tomography</b>]]> http://www.scielosp.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0021-25712012000100006&lng=en&nrm=iso&tlng=en The aim of the present microtomographic study was to investigate the quality of root canal filling and the voids formation in canals of extracted teeth instrumented with a simultaneous technique and filled with two different methods. Twenty-four single-rooted teeth were assigned to two experimental groups (no. = 12); canals were shaped with NiTi rotary files, irrigated with NaOCl and filled either with the single point (group 1) or the continuous wave of condensation technique (group 2). Specimens underwent microtomographic scanning. Collected data were statistically analyzed by nonparametric methods. Void mean percentages were found to be limited and similar between the two groups; the single point technique led to greater sealer thickness in partially oval canals.<hr/>Lo scopo del presente studio microtomografico è analizzare la qualità dell’otturazione canalare e la formazione di vuoti in canali di denti estratti strumentati con tecnica simultanea e otturati con due diverse metodiche. Ventiquattro denti monoradicolati sono stati assegnati a due gruppi sperimentali (n. = 12); i canali sono stati sagomati con file rotanti al NiTi, irrigati con NaOCl e otturati con tecnica del cono singolo (gruppo 1) o dell’onda continua di condensazione (gruppo 2). I campioni sono stati sottoposti a scansione microtromografica. I dati ottenuti sono stati analizzati statisticamente con metodi non parametrici. Le percentuali medie di vuoti all’interno dei canali sono risultate contenute e paragonabili tra i due gruppi; il cono singolo genera spessori maggiori di sealer in canali parzialmente ovalari. <![CDATA[<b>A new software for dimensional measurements in 3D endodontic root canal instrumentation </b>]]> http://www.scielosp.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0021-25712012000100007&lng=en&nrm=iso&tlng=en The main issue to be faced to get size estimates of 3D modification of the dental canal after endodontic treatment is the co-registration of the image stacks obtained through micro computed tomography (micro-CT) scans before and after treatment. Here quantitative analysis of micro-CT images have been performed by means of new dedicated software targeted to the analysis of root canal after endodontic instrumentation. This software analytically calculates the best superposition between the pre and post structures using the inertia tensor of the tooth. This strategy avoid minimization procedures, which can be user dependent, and time consuming. Once the co-registration have been achieved dimensional measurements have then been performed by contemporary evaluation of quantitative parameters over the two superimposed stacks of micro-CT images. The software automatically calculated the changes of volume, surface and symmetry axes in 3D occurring after the instrumentation. The calculation is based on direct comparison of the canal and canal branches selected by the user on the pre treatment image stack.<hr/>Per ottenere misure dimensionali nello spazio 3D delle modificazioni occorse a causa del trattamento endodontico è necessario sovrapporre le immagini relative alle scansioni di microtomografia computerizzata (micro-CT) effettuate sul dente prima e dopo il trattamento. Il nuovo software realizzato permette di ottenere informazioni quantitative dall’analisi di immagini di micro-CT del canale dentale dopo il trattamento endodontico. Specificatamente tale software è in grado di trovare la migliore sovrapposizione tra le immagini relative al dente prima e dopo il trattamento in modo analitico usando il tensore di inerzia del dente. La strategia scelta per realizzare tale sovrapposizione ha permesso di evitare l’uso di procedure di minimizzazione che possono portare a risultati diversi sulla base dell’esperienza dell’utente e possono richiedere un elevato tempo di calcolo. Le misure dimensionali sono state quindi ottenute tramite la analisi contemporanea delle due strutture sovrapposte. Il software calcola automaticamente i cambiamenti che si sono avuti all’interno del canale quantificando le variazioni di volume, di superficie e la modifica dell’asse del canale a seguito del trattamento endodontico. L’analisi viene eseguita tramite confronto diretto del canale e delle diramazioni del canale selezionate dall’utente sulla serie di immagini che caratterizzano il dente prima del trattamento. <![CDATA[<b>Comparative evaluation of cone-beam CT equipment with micro-CT in the visualization of root canal system</b>]]> http://www.scielosp.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0021-25712012000100008&lng=en&nrm=iso&tlng=en The aim of this study was to compare three different cone-beam CT (CBCT) instruments used in dental clinical practice with micro-CT as gold standard. Three female monkeys’ (Macaca fascicularis) skulls were selected and scanned by the tested CBCT-s. The most apical visible root canal level on the CBCT images was used as reference level (RL). After the image acquisition by CBCT-s dental jaw sections were scanned by micro-CT at a resolution of 17 μm. Out of the left second and third molars 25 root canals were selected and analysed by three observers at RL and following cross sectional parameters were determined: area of the lumen, major and minor diameters, aspect ratio and mean thickness. Results suggest that only high resolution CBCT instruments allow dentists detecting the full length of the root canal.<hr/>Lo scopo di questo studio è quello di confrontare tre differenti strumenti cone-beam TC (CBCT − tomografia computerizzata a fascio conico) utilizzati nella pratica clinica dentale con la micro-CT come gold standard. Sono stati selezionati tre crani di scimmie femmine (Macaca fascicularis) e analizzati attraverso il CBCT-s collaudato. È stato utilizzato come livello di riferimento (RL) quello più visibile a livello apicale del canale radicolare sulle immagini CBCT. Dopo l’acquisizione dell’immagine attraverso il CBCT-s, sono state esaminate le sezioni della mascella dentale con la micro-CT con una risoluzione di 17 μm. Sono stati selezionati 25 canali radicolari ed analizzati al livello di riferimento da tre osservatori e sono stati determinati i seguenti parametri della sezione trasversale: area del lume, diametri maggiore e minore, il rapporto e lo spessore medio aspettato. I risultati suggeriscono che solo gli strumenti CBCT ad alta risoluzione permettono ai dentisti di rilevare l’intera lunghezza del canale radicolare. <![CDATA[<b>Fixture-abutment connection surface and micro-gap measurements by 3D micro-tomographic technique analysis </b>]]> http://www.scielosp.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0021-25712012000100009&lng=en&nrm=iso&tlng=en X-ray micro-tomography (micro-CT) is a miniaturized form of conventional computed axial tomography (CAT) able to investigate small radio-opaque objects at a-few-microns high resolution, in a nondestructive, non-invasive, and tri-dimensional way. Compared to traditional optical and electron microscopy techniques, which provide two-dimensional images, this innovative investigation technology enables a sample tri-dimensional analysis without cutting, coating or exposing the object to any particular chemical treatment. X-ray micro-tomography matches ideal 3D microscopy features: the possibility of investigating an object in natural conditions and without any preparation or alteration; non-invasive, non-destructive, and sufficiently magnified 3D reconstruction; reliable measurement of numeric data of the internal structure (morphology, structure and ultra-structure). Hence, this technique has multi-fold applications in a wide range of fields, not only in medical and odontostomatologic areas, but also in biomedical engineering, materials science, biology, electronics, geology, archaeology, oil industry, and semi-conductors industry. This study shows possible applications of micro-CT in dental implantology to analyze 3D micro-features of dental implant to abutment interface. Indeed, implant-abutment misfit is known to increase mechanical stress on connection structures and surrounding bone tissue. This condition may cause not only screw preload loss or screw fracture, but also biological issues in peri-implant tissues.<hr/>La microtomografia a raggi X (micro-CT) altro non è che una forma miniaturizzata di tomografia assiale computerizzata (TAC) convenzionale in grado di indagare in maniera non distruttiva, non invasiva e tridimensionale piccoli oggetti radiopachi con una elevata risoluzione dell’ordine di qualche micron. Rispetto alle tradizionali microscopie ottica ed elettronica, che forniscono immagini di tipo bidimensionale, questa innovativa tecnologia di indagine consente di effettuare un’analisi tridimensionale di un campione senza che questo debba essere sottoposto a tagli, coperture o trattamenti chimici particolari. La microtomografia a raggi X soddisfa dunque i requisiti della microscopia 3D ideale: possibilità di indagare un oggetto in condizioni naturali e senza alcun tipo di preparazione o alterazione; capacità di visualizzazione 3D non invasiva, non distruttiva e con un ingrandimento sufficiente; attendibilità della misurazione delle caratteristiche numeriche della struttura interna (morfologia, struttura e ultrastruttura). Da qui l’infinito ventaglio di applicazioni della metodologia in oggetto, non soltanto in campo medico e odontostomatologico, ma nell’ingegneria biomedica, nella scienza dei materiali, nella biologia, nell’elettronica, nella geologia, nell’archeologia, nell’industria petrolifera e dei semiconduttori. In questo lavoro viene presentata la possibilità applicativa della microtomografia nel campo dell’implantologia dentale per l’analisi delle micro caratteristiche tridimensionali dell’interfaccia tra impianti dentali e relativi abutment protesici. È noto infatti che la presenza di un non corretto accoppiamento (misfit) tra impianto e abutment è alla base di un aumento dello stress meccanico sulle strutture di connessione e sul tessuto osseo circostante. Questa condizione può essere la causa di una perdita di precarico o di frattura delle viti di serraggio ma anche di conseguenze di ordine biologico sui tessuti periimplantari. <![CDATA[<b>Microtomographic and morphometric characterization of a bioceramic bone substitute in dental implantology </b>]]> http://www.scielosp.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0021-25712012000100010&lng=en&nrm=iso&tlng=en In recent years, bone tissue regeneration studies have led to a deeper knowledge of chemical and structural features of the best biomaterials to be used as replacements for lost bone structures, with the autologus bone still today the only graft material able to ostegenerate, osteinduct and/or osteoconduct. The difficulties of the small available amount of autologus bone, together with morbidity of a second surgical operation on the same patient, have been overcome using both synthetic and biologic substitute bones. The possibility of investigating morphometric characteristics of substitute bones makes it possible to evaluate the predictability of regenerative processes and, so far, a range of different methods have been used for the purpose. X-ray microtomography (micro-CT) is a miniaturized form of conventional tomography, able to analyze the internal structure of small objects, performing three-dimensional images with high spatial resolution (<10 micron pixel size). For a correct analysis, samples need not be altered or treated in any way, as micro-CT is a non-invasive and non-destructive technique. It shows promising results in biomaterial studies and tissue engineering. This work shows the potential applications of this microtomographic technique by means of an in vitro analysis system, in characterizing morphometric features of human bone tissue, and contributes to the use of this technique in studies concerning biomaterials and bioscaffolds inserted in bone tissue.<hr/>La rigenerazione del tessuto osseo è stata oggetto, negli ultimi anni, di numerosi studi che hanno condotto alla conoscenza delle caratteristiche chimiche e strutturali di un biomateriale ideale. Poiché, ad oggi, l’unico materiale da innesto in grado di svolgere, al contempo, azione di osteogenesi, osteoinduzione ed osteoconduzione rimane ancora l’osso autologo, emerge la necessità di superare le problematiche legate alle ridotte quantità disponibili ed alla morbilità associata ad un secondo rientro chirurgico nello stesso individuo, utilizzando dei sostituti ossei sia sintetici che biologici. La possibilità di conoscerne a fondo le caratteristiche morfometriche consente di valutare la predicibilità del processo rigenerativo e diverse sono le metodiche finora sfruttate a tal fine. La microtomografia a raggi X (micro-TC) è una forma miniaturizzata di tomografia convenzionale, in grado di indagare la struttura interna di piccoli oggetti opachi, fornendone immagini tridimensionali ad elevata risoluzione spaziale (<10 micron pixel size). Poiché, ai fini analitici, i campioni esaminati non devono essere alterati o trattati in alcun modo, la tecnica microtomografica risulta essere assolutamente non distruttiva e non invasiva e viene attualmente applicata con risultati proficui sia nello studio dei materiali che in ambito biomedicale. Lo scopo di questo lavoro è quello di confermare le possibilità applicative di tale metodica, attraverso la strumentazione Skyscan 1072, nella caratterizzazione morfometrica del tessuto osseo umano normale e di fornire un ulteriore contributo nella messa a punto della stessa nell’ambito dello studio delle proprietà dell’osso innestato con determinati biomateriali. <![CDATA[<b>Microtomography evaluation of dental tissue wear surface induced by <i>in vitro </i>simulated chewing cycles on human and composite teeth </b>]]> http://www.scielosp.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0021-25712012000100011&lng=en&nrm=iso&tlng=en In this study a 3D microtomography display of tooth surfaces after in vitro dental wear tests has been obtained. Natural teeth have been compared with prosthetic teeth, manufactured by three different polyceramic composite materials. The prosthetic dental element samples, similar to molars, have been placed in opposition to human teeth extracted by paradontology diseases. After microtomography analysis, samples have been subjected to in vitro fatigue test cycles by servo-hydraulic mechanical testing machine. After the fatigue test, each sample has been subjected again to microtomography analysis to obtain volumetric value changes and dental wear surface images. Wear surface images were obtained by 3D reconstruction software and volumetric value changes were measured by CT analyser software. The aim of this work has been to show the potential of microtomography technique to display very clear and reliable wear surface images. Microtomography analysis methods to evaluate volumetric value changes have been used to quantify dental tissue and composite material wear.<hr/>In questo studio è stata ottenuta una visualizzazione microtomo grafica 3D di superfici dentali dopo prove di usura dentale in vitro. Sono stati comparati denti naturali e denti protesici realizzati in tre differenti materiali compositi policeramici. I campioni di denti protesici, simili a molari, sono stati posizionati in opposizione a denti umani estratti per problemi paradontologici. Dopo l’analisi microtomografica, i campioni sono stati sottoposti a cicli di prove di fatica in vitro tramite una strumentazione per prove meccaniche servo idraulica. Dopo le prove di fatica, ogni campione è stato di nuovo soggetto ad analisi microtomografica per ottenere le variazioni dei valori di volume e le immagini delle superfici di usura. Le immagini sono state ottenute dal programma 3D reconstruction e le variazioni volumetriche dal CT analyser. Lo scopo di questo lavoro è stato quello di mostrare la possibilità della microtomografia di visualizzare in modo chiaro e affidabile le superfici di usura. I metodi di analisi microtomografica sono stati usati per valutare le variazioni volumetriche in modo da quantificare l’usura dei tessuti dentali e dei compositi. <![CDATA[<b>The application of X-ray microtomography for the assessement of root resorption caused by the orthodontic treatment of premolars </b>]]> http://www.scielosp.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0021-25712012000100012&lng=en&nrm=iso&tlng=en The purpose of this study was to demonstrate potential application of micro-computed tomography in the morphometric analysis of the root resorption in extracted human first premolars subjected to the orthodontic force. In one patient treated in the orthodontic clinic two mandibular first premolars subjected to orthodontic force for 4 weeks and one control tooth were selected for micro-computed tomographic analysis. The hardware device used in this study was a desktop X-ray microfocus CT scanner (SkyScan 1072). The morphology of root’s surfaces was assessed by TView and Computer Tomography Analyzer (CTAn) softwares (SkyScan, bvba) which allowed analysis of all microscans, identification of root resorption craters and measurement of their length, width and volume. Microscans showed in details the surface morphology of the investigated teeth. The analysis of microscans allowed to detect 3 root resorption cavities in each of the orthodontically moved tooth and only one resorption crater in the control tooth. The volumes of the resorption craters in orthodontically-treated teeth were much larger than in a control tooth. Micro-computed tomography is a reproducible technique for the three-dimensional non-invasive assessment of root’s morphology ex vivo. TView and CTan softwares are useful in accurate morphometric measurements of root’s resorption.<hr/>Lo scopo di questo studio è stato quello di dimostrare le possibilità di applicazione della tomografia microcomputerizzata nell’analisi morfometrica del riassorbimento radicolare in primi premolari umani estratti soggetti a forza ortodontica. In un paziente trattato in clinica ortodontica sono stati scelti per l’analisi microtomografica due primi premolari soggetti a sforzo ortodontico per quattro settimane e un dente di controllo. Lo strumento hardware usato per questo studio è stato un desktop X-ray microfocus CT scanner (SkyScan 1072, SkyScan, Kartuizersweg, Belgium). La morfologia della superficie delle radici è stata analizzata con i software ConRec V2.23 e CTAn V1.9 (SkyScan, Kartuizersweg, Belgium) che hanno permesso l’analisi di tutte le micro scansioni, l’identificazione del riassorbimento radicolare e la misura della loro lunghezza, larghezza e volume. Le microscansioni hanno mostrato nel dettaglio la morfologia dei denti che sono stati osservati. L’analisi delle microscansioni ha permesso di identificare 3 cavità di riassorbimento radicolare in ognuna delle radici dei denti trattati ortodonticamente e solo un cratere di riassorbimento nel dente di controllo. Il volume dei crateri di riassorbimento nei denti trattati ortodonticamente si sono dimostrati essere più larghi che nel dente di controllo. La tomografia microcomputerizzata è una tecnica affidabile per l’analisi tridimensionale non invasiva della morfologia ex vivo delle radici, e i software ConRec e CTan sono utili nella misurazione accurata del riassorbimento radicolare. <![CDATA[<b>Micro-CT examination of human bone</b>: <b>from biopsies towards the entire organ</b>]]> http://www.scielosp.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0021-25712012000100013&lng=en&nrm=iso&tlng=en Micro-CT systems are available that facilitate ex vivo examinations of human specimens as big as entire vertebrae, with spatial resolutions in the 10-micrometer range. This opens a new way for looking at entire bones in 3D. Accurate description of the internal microarchitecture of the entire organ can be obtained, at spatial resolutions previously achievable only on excised biopsies. These high resolution scans produce large datasets and come with costs and benefits, which have to be considered in the successful planning of an experiment. The aim of this paper is to present examples of human vertebrae scanned at high resolution (17 μm/pixel), allowing the visualization and quantification of the microarchitecture, and to discuss some aspects of using high resolution scans of such large specimens. The datasets were down-sampled to 34 μm and 68 μm pixel size, and their morphometric parameters compared to those obtained at 17 μm pixel size, in relation to data size and calculation time.<hr/>Oggi esistono sistemi di microtomografia computerizzata in grado di consentire esami ex vivo di campioni umani grandi come intere vertebre, con una risoluzione spaziale che rientra nella gamma dei 10 micrometri. Queste tecniche permettono l’apertura verso un nuovo modo di analizzare l’osso in 3D e consentono di ottenere una descrizione accurata della micro architettura interna di un organo intero sfruttando risoluzioni spaziali prima ottenibili solo per mezzo di biopsie escisse. Tali scansioni ad alta risoluzione producono una grande quantità di dati e sono accompagnate da costi e benefici che devono essere considerati nella pianificazione di un esperimento. Lo scopo di questo lavoro è di presentare esempi di vertebre umane scannerizzate ad alta risoluzione (17 μm/pixel), di quantificarne e visualizzarne la micro architettura e di discutere alcuni aspetti legati all’utilizzo di scansioni ad alta risoluzione per campioni così grandi. I datasets sono stati ricampionati a 34 μm/ pixel e 68 μm/pixel ed i loro parametri morfometrici sono stati confrontati con quelli ricampionati a 17 μm/pixel, e discussi in relazione alla dimensione dei dati ed al tempo di calcolo. <![CDATA[<b>A proposal of microtomography evaluation for restoration interface gaps </b>]]> http://www.scielosp.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0021-25712012000100014&lng=en&nrm=iso&tlng=en Nowadays, several adhesive systems are used in dental restoration and they’re evaluated by clinical research. In vitro evaluations are often made by means of traditional observation techniques (for example scanning electron microscope (SEM), while 3D cone-beam microtomography technique (3D micro-CT), that can be able to generate 3D sample images without any sample treatment during acquisition data, is going to be used a lot in the next few years. In dental cavity restored with composite, it is possible to predict the presence of gaps due to polymerization shrinkage; that is the reason this work purpose is to reveal by 3D images and measure by micro-CT analysis the voids generated applying the most used adhesive systems at the moment. By means of microtomographic analysis is proposed an aid to overcome bidimensional SEM investigation limits like random observation of sample surface, sample sectioning (to see inside it with the relative possible structural alterations induced on the same sample) and the gold sputtering treatment. For this experimental work, human crown teeth have been selected, all restored with the same composite material, using five adhesive systems. After about 48 hours each tooth has been acquired by means of Skyscan 1072 micro-CT instrument and then processed by 3D reconstruction and micro-CT analyser software. Three adhesive systems have showed 3D micro-CT images with not as much voids as expected, with a very little extent. This kind of micro-CT in vitro evaluation proposal suggests a method to observe and quantify the voids generated after polymerization shrinkage during tooth restoration.<hr/>Allo stato attuale diverse tipologie di adesivi smalto-dentinali vengono correntemente utilizzate per la realizzazione di restauri odontoiatrici in composito, previa verifica della loro efficacia da parte della ricerca clinica. Valutazioni in vitro vengono spesso realizzate grazie all’utilizzo di metodiche di osservazione tradizionali, per esempio la microscopia a scansione elettronica (SEM), ma la tecnica microtomografica 3D a fascio conico, che è in grado di generare immagini 3D di un campione senza alcun tipo di trattamento dello stesso durante l’acquisizione delle informazioni, sta diventando una tecnologia sempre più richiesta per questo tipo di applicazione. L’impiego della microtomografia a raggi X ha consentito il superamento dei limiti relativi alla bidimensionalità del SEM, come l’osservazione random delle superfici di un campione, il taglio del campione (allo scopo di indagare all’interno dello stesso ma con il rischio di determinare alterazioni dell’oggetto in studio) e la ricopertura con polveri d’oro. In questo studio sperimentale sono state utilizzate delle corone dentarie umane, restaurate con lo stesso materiale composito ma utilizzando cinque diversi sistemi adesivi smalto-dentinali. Dopo circa 48 ore dall’esecuzione dell’otturazione, ciascun dente è stato sottoposto ad acquisizione microtomografica tramite strumentazione Skyscan 1072 e processato attraverso i software 3D reconstruction e micro-CT analyser. Le immagini microtomografiche 3D di tre sistemi adesivi hanno dimostrato la presenza di pochi spazi vuoti e di limitata estensione. La microtomografia a raggi X si propone come un valido strumento per visualizzare e misurare i vuoti generati a seguito della contrazione da polimerizzazione conseguente all’esecuzione di restauri dentali in composito. <![CDATA[<b>Primary empty sella and GH deficiency</b>: <b>prevalence and clinical implications</b>]]> http://www.scielosp.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0021-25712012000100015&lng=en&nrm=iso&tlng=en Primary empty sella (PES) is a particular anatomical condition characterized by the herniation of liquor within the sella turcica. The pathogenesis of this alteration, frequently observed in general population, is not yet completely understood. Recently reports demonstrated, in these patients, that hormonal pituitary dysfunctions, specially growth hormone (GH)/insulin-like growth factor (IGF-I) axis ones, could be relevant. The aim of this paper is to evaluate GH/IGF-I axis in a group of adult patients affected by PES and to verify its clinical relevance. We studied a population of 28 patients with a diagnosis of PES. In each patient we performed a basal study of thyroid, adrenal and gonadal - pituitary axis and a dynamic evaluation of GH/IGF-I after GH-releasing hormone (GHRH) plus arginine stimulation test. To evaluate the clinical significance of GH/IGF-I axis dysfunction we performed a metabolic and bone status evaluation in every patients. We found the presence of GH deficit in 11 patients (39.2 %). The group that displayed a GH/IGF-I axis dysfunction showed an impairment in metabolic profile and bone densitometry. This study confirms the necessity to screen the pituitary function in patients affected by PES and above all GH/IGF-I axis. Moreover the presence of GH deficiency could be clinically significant.<hr/>La sella vuota primaria (PES) è una particolare condizione anatomica caratterizzata dalla presenza di liquor all’interno della sella turcica. La patogenesi di questa alterazione, osservata frequentemente nella popolazione generale, non è ancora completamente chiarita. Recenti lavori hanno dimostrato che le alterazioni ormonali ipofisarie, soprattutto a carico dell’asse ormone della crescita (GH)/fattori di crescita insulino-simili (IGF-I), potrebbero essere frequenti e clinicamente rilevanti in questi pazienti. Obiettivo di questo studio è stato valutare l’integrità dell’asse GH/IGF-I in un gruppo di pazienti affetti da PES e verificare le implicazioni cliniche di un eventuale deficit secretorio. Abbiamo esaminato un campione di 28 pazienti affetti da PES. Ognuno di questi è stato sottoposto ad uno studio basale della funzionalità tiroidea, surrenalica, gonadica e ipofisaria e ad una valutazione dinamica dell’asse GH/IGF-1 dopo test da stimolo con GH-releasing hormone (GHRH) + arginina. Per verificare l’impatto clinico dell’eventuale deficit di GH abbiamo effettuato un attento esame dei parametri metabolici ed ossei. Il deficit di GH è stato riscontrato in 11 pazienti (39.2 %) i quali mostravano, rispetto ai normosecretori, valori peggiori sia a carico dei parametri metabolici che della densitometria ossea. Questo lavoro conferma, quindi, la necessità di valutare la funzionalità ipofisaria nei pazienti affetti da PES ponendo particolare attenzione allo studio dell’asse GH/IGF-1, la cui alterazione potrebbe avere un significativo impatto clinico. <![CDATA[<b>Stray dog and cat laws and enforcement in Czech Republic and in Italy</b>]]> http://www.scielosp.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0021-25712012000100016&lng=en&nrm=iso&tlng=en The growing numbers of stray dogs and cats have posed serious public-health, socioeconomic, political and animal-welfare problems in many EU countries. Stray animal population control is a complex issue and there are no easy solutions. Recognising the importance of the issue the European Commission has, since 2007, actively contributed to the elaboration of the first global welfare standards for the control of dog populations in the framework of the World Organisation for Animal Health (OIE). Problem-solving approaches vary in different countries as there is no common European Community legislation dealing with stray animal control. In this paper the authors describe the characteristics of the stray dog and cat problem in general and focus on existing European legislation. A comparative overview of policies and measures in place in the Czech Republic and in Italy is made to observe the differences between the two countries and understand the different needs in each, considering their historical and social differences (i.e. a post-communist eastern country vs a western country and founder member of what is now the European Union).<hr/>Il crescente numero di cani e gatti randagi pone gravi problemi per la salute pubblica, per il benessere animale, nonché sotto l’aspetto socio-economico e politico in molti paesi dell’UE. Il controllo del randagismo è un argomento complesso e di non facile risoluzione. Riconoscendo l’importanza della questione, la Commissione Europea sin dal 2007 ha attivamente contribuito attraverso l’OIE all’elaborazione di linee-guida per il controllo della popolazione canina. Tuttavia, le strategie per risolvere detto fenomeno differiscono nei diversi paesi, poiché non esiste una specifica normativa a livello comunitario atta a controllare il suddetto fenomeno. Il presente lavoro descrive il fenomeno del randagismo in generale ed analizza la normativa esistente in Europa. Viene, altresì, effettuato un esame comparativo delle politiche e delle misure attuate nella Repubblica Ceca ed in Italia, al fine di confrontare le due realtà legislative stante le differenze storiche e sociali esistenti tra i due paesi (da un lato un paese post comunista e dall’altro un paese membro fondatore dell’attuale UE). <![CDATA[<b><i>Oscillococcinum</i></b><b> for influenza treatmen</b>t]]> http://www.scielosp.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0021-25712012000100017&lng=en&nrm=iso&tlng=en The use of a complementary medicine approach, and specifically of the popular medicine Oscillococcinum, for the treatment of influenza-like syndromes remains controversial. This brief paper analyses the currently available literature on this homeopathic preparation and the Cochrane Collaboration’s 2006 systematic review, along with other recent studies, in order to clarify certain fundamental aspects of its use in the treatment of influenza. In the light of the reported findings, and applying the rigorous criteria of evidence-based medicine, we suggest that this medicine should be placed in category "BI".<hr/>È ad oggi ancora controverso il ruolo e l’approccio della medicina complementare nel trattamento di sindromi simil-influenzali, ed in particolare del noto medicinale omeopatico Oscillococcinum. Questa breve nota analizza la letteratura attualmente disponibile per questo medicinale, comprendente studi originali e la revisione sistematica della Cochrane Collaboration 2006, con lo scopo di chiarire alcuni aspetti fondamentali del suo uso. Alla luce delle prove fornite e in base ai rigorosi criteri della medicina basata sulle evidenze, si suggerisce che Oscillococcinum sia considerato nella categoria "BI". <![CDATA[<b>Edited by <i>Federica Napolitani Cheyne</i></b>]]> http://www.scielosp.org/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S0021-25712012000100018&lng=en&nrm=iso&tlng=en The use of a complementary medicine approach, and specifically of the popular medicine Oscillococcinum, for the treatment of influenza-like syndromes remains controversial. This brief paper analyses the currently available literature on this homeopathic preparation and the Cochrane Collaboration’s 2006 systematic review, along with other recent studies, in order to clarify certain fundamental aspects of its use in the treatment of influenza. In the light of the reported findings, and applying the rigorous criteria of evidence-based medicine, we suggest that this medicine should be placed in category "BI".<hr/>È ad oggi ancora controverso il ruolo e l’approccio della medicina complementare nel trattamento di sindromi simil-influenzali, ed in particolare del noto medicinale omeopatico Oscillococcinum. Questa breve nota analizza la letteratura attualmente disponibile per questo medicinale, comprendente studi originali e la revisione sistematica della Cochrane Collaboration 2006, con lo scopo di chiarire alcuni aspetti fondamentali del suo uso. Alla luce delle prove fornite e in base ai rigorosi criteri della medicina basata sulle evidenze, si suggerisce che Oscillococcinum sia considerato nella categoria "BI".