SciELO - Scientific Electronic Library Online

 
vol.48 número2Common criteria among States for storage and use of dried blood spot specimens after newborn screeningMental health in L'Aquila after the earthquake índice de autoresíndice de assuntospesquisa de artigos
Home Page  

Serviços Personalizados

Artigo

Indicadores

Links relacionados

  • Não possue artigos similaresSimilares em SciELO

Compartilhar


Annali dell'Istituto Superiore di Sanità

versão impressa ISSN 0021-2571

Resumo

CENSI, Federica et al. Quantificazione delle componenti non dipolari della depolarizzazione atriale mediante l'analisi in componenti principali dell'onda P. Ann. Ist. Super. Sanità [online]. 2012, vol.48, n.2, pp. 125-131. ISSN 0021-2571.  http://dx.doi.org/10.4415/ANN_12_02_04.

INTRODUZIONE: L'analisi in componenti principali dell'onda T è stata usata per quantificare le componenti dipolari e non dipolari dell'attivazione ventricolare, associate all'etereogeneità della ripolarizzazione. Allo stesso modo, l'analisi in componenti principali dell'onda P può essere utile nell'analizzare la propagazione del segnale elettrico negli atri, la cui eterogeneità sembra essere un fattore predisponente per la fibrillazione atriale. OBIETTIVO: Lo scopo dello studio è di effettuare l'analisi in componenti principali dell'onda P in pazienti suscettibili alla fibrillazione atriale. METODI: L'analisi in componenti principali è effettuata su onde P estratte effettuando la media sincronizzata su registrazioni ECG acquisite mediante un sistema di mappaggio ECG a 32 derivazioni (2048 Hz, 24 bit, 0-400 Hz). RISULTATI E CONCLUSIONI: I parametri estratti per quantificare le componenti dipolari e non dipolari dell'onda P sono stati i primi 3 autovalori e la percentuale di varianza cumulata spiegata dalle prime 3 componenti principali. Quest'ultima è risultata maggiore nel gruppo di pazienti a basso rischio di sviluppare fibrillazione atriale rispetto al gruppo ad alto rischio. Inoltre, corrispondentemente, il primo auto valore è significativamente più basso mentre il secondo è significativamente più alto nei pazienti ad alto rischio rispetto a quelli a basso rischio. L'analisi dei fattori ha mostrato che in media tutte le derivazioni contribuiscono alla prima componente principale.

Palavras-chave : fibrillazione atriale; componenti principali; onda P; componente non dipolare.

        · resumo em Inglês     · texto em Inglês     · pdf em Inglês