SciELO - Scientific Electronic Library Online

 
vol.48 issue3Mesothelioma mortality surveillance and asbestos exposure tracking in ItalyThe potential role of vitamin D for prevention and treatment of tuberculosis and infectious diseases author indexsubject indexarticles search
Home Page  

Annali dell'Istituto Superiore di Sanità

Print version ISSN 0021-2571

Abstract

GIAMMARIOLI, Anna Maria et al. Integrare la medicina di genere nelle politiche di salute e sicurezza negli istituti di ricerca a carattere scientifico: un impegno obbligato. Ann. Ist. Super. Sanità [online]. 2012, vol.48, n.3, pp. 311-318. ISSN 0021-2571.  http://dx.doi.org/10.4415/ANN_12_03_12.

INTRODUZIONE: La medicina di genere valuta l'impatto del genere sulla fisiologia umana, sulla fisiopatologia e sulle caratteristiche cliniche delle malattie, integrando aspetti biologici, sociologici, etnici e culturali. Il decreto legge 81/2008 ha introdotto il genere nella valutazione dei rischi sul luogo di lavoro, tuttavia non esiste ancora una normativa genere-specifica riguardante il personale delle istituzioni scientifiche, che e soggetto, in uno stesso tempo ad agenti biologici, fisici e chimici, oltre che a problemi psicosociali come tutti gli altri. SCOPI: In questa rassegna vengono discussi alcuni aspetti della medicina di genere in relazione alla normativa italiana e alla valutazione del rischio. CONCLUSIONI: E infatti indispensabile che gli istituti scientifici pubblici e privati adottino strategie di prevenzione che tengano conto del genere per assicurare uguale tutela a uomini e donne.

Keywords : medicina di genere; malattie trasmissibili; malattie non trasmissibili; tutela dei lavoratori; valutazione del rischio; legge italiana.

        · abstract in English     · text in English     · pdf in English