SciELO - Scientific Electronic Library Online

 
vol.47 issue1Book reviews, notes and comments author indexsubject indexarticles search
Home Page  

Annali dell'Istituto Superiore di Sanità

Print version ISSN 0021-2571

Ann. Ist. Super. Sanità vol.47 n.1 Roma Jan. 2011

http://dx.doi.org/10.1590/S0021-25712011000100024 

SECTION II
WHO PUBLICATIONS

 

Edited by Anna Maria Rossi

 

 

 

Practical aspects of signal detection in pharmacovigilance. CIOMS Group VIII. 2010, 143 p. (CIOMS Nonserial) ISBN 978 92 903 6082 7 In inglese. Sw.fr./US $ 39.00 N. ordine 18400030

In anni recenti sono aumentate le richieste, a livello pubblico, per una rapida identificazione e una pronta gestione delle questioni emergenti relative alla sicurezza dei farmaci. Nello stesso periodo di tempo, dal passaggio dai sistemi di reporting sugli eventi avversi su formato cartaceo alla cattura elettronica dei dati e alla loro rapida trasmissione, è derivato un aumento di set di dati sostanziali per analisi complesse e interrogazioni da parte dell'industria, degli enti regolatori e di altre organizzazioni di salute pubblica.

Si è quindi venuto a creare un terreno fertile in cui i ricercatori nel settore della farmacovigilanza, i tecnologi dell'informazione e gli esperti di statistica collaborano insieme sia per sviluppare nuove strategie volte all'individuazione di segnali da questi set di dati, estesi e in rapida crescita, sia per la loro gestione appropriata. In particolare, il rapporto prende in esame le conseguenze pratiche di tali sviluppi per gli specialisti della farmacovigilanza. A essi il rapporto intende soprattutto fornire una risorsa completa che contribuisca al rafforzamento dei loro sistemi e procedure di farmacovigilanza, dando nel contempo suggerimenti pratici. Tuttavia, il rapporto non indica soluzioni immediate, poiché esse saran-no inevitabilmente legate a ogni singola situazione e richiederanno un'attenta valutazione delle necessità locali. Il Working Group III della CIOMS è convinto che una combinazione di metodi e una politica chiara di gestione dei segnali rafforzeranno gli attuali sistemi.

Infine, in una prospettiva futura, il rapporto fornisce anticipazioni di ulteriori sviluppi, riguardanti tecniche da applicare ad altri sistemi di dati, più ampi dei report di casi singoli. Il test fondamentale per i sistemi di farmacovigilanza è costituito dalla dimostrazione della loro utilità ai fini della salute pubblica ed è proprio questo test che le metodologie di individuazione dei segnali devono soddisfare.

 


 

 

Health in the european union. Trends and analysis Mladovsky P, Allin S, Masseria C. et al. Geneva: World Health Organization. 2010, 189 p. (EURO Non serial publications) ISBN 978 92 890 4190 4 In inglese. Sw.fr./US $ 50.00 N. ordine 13400095

Uno stato di buona salute costituisce una risorsa fondamentale per il benessere sociale ed economico. In Europa, negli ultimi decenni, vi sono stati miglioramenti sia per quanto riguarda lo stato di salute delle popolazioni sia per le loro condizioni di vita e di lavoro. Lo studio analizza le differenze esistenti nello stato di salute all'interno e tra i singoli Paesi europei ed esamina alcune sfide affrontate da coloro che operano per una società più in salute e più equa.

Nell'ambito dell'Unione Europea (UE), la gamma delle condizioni di vita è aumentata di molto negli ultimi anni di pari passo con l'inclusione di un sempre maggior numero di Paesi nell'UE. Questa diversità si è tradotta in differenti situazioni di salute al-l'interno della Regione OMS. Le disuguaglianze di reddito, d'istruzione, di abitazione e di lavoro hanno, direttamente o indirettamente, avuto un'influenza sulla salute pubblica. Inoltre, sebbene la maggior parte delle malattie abbia colpito la popolazione anziana, alcune malattie e cause di morte hanno invece interessato maggiormente la popolazione giovanile. Tali fattori di complessità sono oggetto di questo studio.

In particolare, esso tratta e analizza le relazioni tra le condizioni di vita, i fattori socio-economici e lo stato di salute, con l'obiettivo di stimolare dibattiti e azioni politiche per la creazione di società più eque e in salute in tutta Europa. Lo studio potrà promuovere discussioni attraverso alcuni argomenti chiave, che interessano i Paesi europei e la salute e il

 


 

 

Working to overcome the global impact of neglected tropical diseases. First WHO Report on neglected tropical diseases, 2010. Geneva: World Health Organization. 2010, 181 p. (Nonserial publication) ISBN 978 92 415 6409 0 In inglese. Sw.fr./US $ 25.00 N. ordine 11500797

Le malattie tropicali trascurate mettono a rischio la vita di un miliardo di persone nel mondo e sono una minaccia per la salute di milioni di altre. Indeboliscono le popolazioni già povere, impediscono il raggiungimento degli obiettivi di salute stabiliti nei Millennium Development Goals (Obiettivi di sviluppo del millennio) della WHO, e ostacolano i risultati di salute pubblica a livello mondiale.

Un riconoscimento più ampio dell'importanza per la salute pubblica rappresentata dalle malattie tropicali trascurate e una migliore conoscenza della loro epidemiologia hanno promosso i necessari cambiamenti nel settore della salute pubblica. La WHO raccomanda cinque strategie di controllo o metodi di intervento: chemioterapia preventiva, gestione rafforzata dei casi, controllo del vettore, sanità pubblica veterinaria, acqua sicura e igiene. Sebbene una singola strategia possa essere utilizzata per il controllo di una specifica malattia o gruppo di malattie, le evidenze suggeriscono che un più efficace controllo può essere svolto quando i cinque sopra indicati processi sono attuati in combinazione e in un contesto locale.

Il rapporto fornisce evidenze a dimostrazione che le attività svolte per prevenire e controllare le malattie tropicali trascurate stanno producendo risultati. Dal 2008 la chemioterapia preventiva ha interessato 670 milioni di persone in 75 Paesi.

Il ruolo di leadership, svolto dalla WHO, ha portato alla formazione di una comunità di partner impegnati a supportare i Governi dei Paesi nei quali queste malattie sono endemiche, con un duplice scopo: operare per superare l'impatto, a livello mondiale, delle malattie tropicali trascurate, e ridurre il carico di morbilità e mortalità che esse hanno sulla salute delle popolazioni e sulla produttività economica dei singoli Paesi. I diversi partner includono: associazioni a scopo filantropico, società farmaceutiche, organizzazioni non governative, università. Le risorse che essi destinano sono essenziali per svolgere interventi e aumentare il controllo delle malattie tropicali trascurate tra le milioni di persone che ne hanno necessità.

 


 

 

Gender, women and primary health care renewal. A discussion paper. Geneva: World Health Organization. 2010, 76 p. (Nonserial publication) ISBN 978 92 415 6403 8 In inglese. Sw.fr. /US $ 25.00 N. ordine 11500790

Questo documento raccoglie evidenze ed esperienze da tutto il mondo su come rendere i sistemi sanitari più sensibili alla prospettiva di genere. Si rende infatti necessario esaminare le varie barriere, così come le opportunità esistenti, per far sì che i sistemi sanitari operino al meglio per la salute delle donne - una preoccupazione ormai da decenni oggetto di un attento interesse - attraverso l'utilizzo di una prospettiva di uguaglianza di genere e di equità in salute.

Il documento utilizza una struttura che unisce i sei blocchi costitutivi dei sistemi sanitari della WHO e le riforme dell'assistenza sanitaria primaria, proposte nel Rapporto WHO 2008. Inoltre, sono forniti esempi di ciò che ha funzionato e come, e descritto un programma d'azione per rafforzare l'attività dei policy-maker, dei loro consiglieri e partner di sviluppo così come degli specialisti, volto a integrare le prospettive di uguaglianza di genere nel rafforzamento dei sistemi sanitari, incluse le riforme dell'assistenza sanitaria primaria.

 


 

 

How to conduct patent searches for medicine. A step-by-step guide. Geneva: World Health Organization. 2010, 115 p. (SEARO Nonserial publication) ISBN 978 92 902 2375 7 In inglese. Sw.fr./US $ 10.00 N. ordine 15400016

Le organizzazioni che si occupano di fornire medicinali si trovano a dover rispondere sempre più spesso a quesiti riguardanti la situazione relativa ai brevetti dei prodotti farmaceutici. Tali organizzazioni devono utilizzare in maniera efficace i budget a loro disposizione (ad esempio, fornendo farmaci generici) ma non intendono violare i diritti di proprietà intellettuale.

Molte di queste organizzazioni hanno scarse conoscenze e poca esperienza per stabilire se un dato farmaco sia o no brevettato in un dato Paese. II volume è una guida che illustra, passo per passo, come trovare le informazioni relative ai brevetti sui farmaci, spesso disponibili su Internet ma non di facile reperimento. Sono forniti esempi concreti di come individuare, attraverso le diverse dati di basi online, se per un brevetto sia stata fatta richiesta, se esso sia stato concesso oppure rifiutato o, ancora, revocato. Sono anche forniti suggerimenti su come utilizzare le fonti Internet per ottenere informazioni (quali, ad esempio, le date di priorità) che possono facilitare l'identificazione di importanti brevetti attraverso la consultazione di strumenti più tradizionali, quali le Gazzette emesse dagli Uffici brevetti.

 


 

 

Policies and incentives for promoting innovation in antibiotic research. Mossialos E, Morel CM, Edwards S. et al. Geneva: World Health Organization. 2010, 220 p. (EURO Nonserial publications) ISBN 978 92 890 4213 0 In inglese. Sw.fr./US $ 50.00 N. ordine 13400102

Alti livelli di resistenza di agenti patogeni stanno rendendo obsoleti gli antibiotici attualmente in uso. Uniti a un insufficiente investimento nella ricerca di nuove cure, le infezioni multiresistenti costituiscono un problema di salute pubblica sempre più urgente.

Per limitare la crescita dell'antibiotico-resistenza e prevenire la morbilità e la mortalità da infezioni batteriche multiresistenti, deve essere affrontato il problema dell'abuso di antibiotici e promossi la ricerca e lo sviluppo di antibiotici dotati di nuovi meccanismi di azione. Ciò richiede incentivi appositamente creati per i sistemi sanitari e regolatori, in aggiunta a incentivi economici che possano attrarre l'interesse dei ricercatori e gli investimenti da parte delle industrie.

Il volume, commissionato dal Governo svedese tramite lo European Observatory on Health Systems and Policies (Osservatorio europeo sui sistemi e le politiche sanitarie), analizza un buon numero di politiche proposte e di meccanismi di incentivo, e fa luce sulle questioni chiave che aiuteranno i policy-maker a prendere decisioni informate e concrete su come evitare questa potenziale crisi di sanità pubblica.

 


 

 

Global tuberculosis control 2010. Geneva: World Health Organization. 2010, 211 p. (Nonserial publication) ISBN 978 92 415 6406 9 In inglese. Sw.fr./US $ 40.00 N. ordine 11505659

La WHO pubblica, dal 1997, un rapporto annuale sul controllo globale della tubercolosi. Lo scopo principale del rapporto è quello di fornire una valutazione completa e aggiornata dell'epidemia da tubercolosi (Tbc) e dei progressi fatti nella cura e nel controllo a livello mondiale, regionale e locale.

Il Rapporto 2010 è il quindicesimo della serie e comprende informazioni più aggiornate di quelle contenute nei rapporti precedenti, in particolare per quanto riguarda tre punti. Per prima cosa, i dati sono ancora più aggiornati rispetto a quelli presentati nei rapporti precedenti. I dati, fino al 2009 compreso, si riferiscono a quasi tutti gli indicatori chiave; i dati finanziari arrivano fino al 2011. Secondo, il rapporto comprende i risultati di diverse analisi effettuate per la prima volta nel 2010. Ad esempio: (i) per ognuno dei 22 Paesi ad alta prevalenza di Tbc, sono presentati i trend del tasso di incidenza di Tbc e della mortalità a partire dal 1990, combinati con le proiezioni sulla possibilità di dimezzare il tasso di mortalità, registrato nel 1990, entro il 2015; (ii) la stima di vite salvate attraverso il controllo della Tbc dal 1995 al 2009 e le proiezioni delle ulteriori vite che potrebbero essere salvate entro il 2015, con stime separate per donne e bambini; (iii) la valutazione del progresso raggiunto nell'implementazione e nel finanziamento delle cure e del controllo della Tbc rispetto agli obiettivi fissati in una versione appena pubblicata e aggiornata del Global Plan to Stop TB. Terzo, per tutti i Paesi sono messi a disposizione i singoli profili (quindi, non solo per i 22 Paesi ad alta prevalenza), scaricabili online all'indirizzo www.who.int/tb/data, che attinge ai dati più recenti disponibili nella base di dati TB globale della WHO.

Sono inclusi anche tre allegati. Il primo descrive i metodi utilizzati per produrre le stime relative all'incidenza della malattia. Il secondo include tabelle riassuntive dei dati globali, regionali e locali per i principali indicatori di interesse. Infine, il terzo allegato rende noto il contenuto dei profili dei singoli Paesi, disponibili online all'indirizzo sopra citato.

 


 

 

Operational research in tropical and other communicable diseases. Final report summaries 2007-2008. Geneva: World Health Organization. 2010, 109 p. (WHO Regional Office for the Eastern Mediterranean). ISBN 978 92 902 1703 9 In inglese. Sw.fr./US $ 25.00 N. ordine 14600052

L´Ufficio Regionale per il Mediterraneo Orientale della WHO dà il proprio sostegno a progetti di ricerca operativi nel settore delle malattie infettive. Una caratteristica principale di questa attività di ricerca è la collaborazione attiva tra i programmi di controllo dei Ministeri della Salute e i ricercatori delle istituzioni accademiche. Insieme essi individuano problemi critici di salute nazionale, che diventano priorità di ricerca con relative soluzioni.

Il volume riassume i risultati di due Small Grants Scheme (Schemi di finanziamento ridotti) per ricerche operative nel settore delle malattie tropicali e di altre malattie infettive durante gli anni 2005 e 2006. Si tratta del quarto volume di una serie pubblicata ogni due anni per diffondere i risultati delle ricerche ai responsabili dei programmi di controllo nazionali e alla comunità scientifica internazionale. È auspicabile che tali risultati si traducano in azioni politiche e attuative. In questo modo si otterrebbe un progresso verso l'equità nella salute e si eviterebbero inutili sprechi di risorse limitate, che deriverebbero dalla duplicazione di finanziamenti o da un'inefficace implementazione delle misure di controllo. Il volume è anche un richiamo all'azione: la richiesta che questi recenti risultati della ricerca siano utilizzati e implementati per affrontare le sfide che il controllo delle malattie infettive pone a tutti i ricercatori.